Anestesia: cosa succede quando il cervello "si spegne"

È una procedura diffusissima da più di un secolo ma la scienza ne sa ancora pochissimo: un team di ricercatori americani sta cercando di svelare i segreti della nostra mente durante il sonno indotto, attraverso una simulazione che riproduce ciò che accade quando svanisce la coscienza

LA UTILIZZIAMO ormai da più di un secolo, eppure gli scienziati non sanno ancora precisamente come, o perché, funzioni a livello cerebrale. Parliamo dell'anestesia generale, una procedura fondamentale per la medicina, che permette di "spegnere" temporaneamente il cervello per portare a termine un'operazione chirurgica o altri tipi di pratiche invasive. Come dicevamo, comprendere cosa succede esattamente quando si introduce un farmaco anestetico non è facile, perché si scivola nel campo, ancora largamente sconosciuto, dei rapporti che intercorrono tra elementi fisici (come impulsi nervosi, neuroni e sinapsi) ed esperienze in larga parte soggettive come la coscienza e lo stato di veglia. Per cercare di risolvere questo mistero, un team di ricercatori di Pittsburgh ha realizzato un modello computerizzato pensato per simulare quello che accade nel cervello umano durante l'anestesia. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Physical Review Letters.

Il modello realizzato dai ricercatori americani è basato su una serie di nodi, ciascuno dei quali rappresenta neuroni o parti del cervello in rapporto reciproco all'interno di una rete neurale. L'ipotesi su cui si basa lo studio è infatti che l'anestesia sia dovuta a un cambiamento repentino dell'intero meccanismo che regola le comunicazioni tra le diverse parti del cervello: quando le comunicazioni si interrompono sopravviene l'anestesia, quando vengono ripristinate si torna alla coscienza.

0
0
0
s2smodern

Il Meteo

Meteo Lazio

La rivista del mese di "Vita Ciociara"

Ottobre 17 Pagina 1 

 OTTOBRE 2017

 

Live News

"Vita Ciociara" mese precedenti

 Testata Web 001

 

 Ciociaria Passeggiate Medievali