Rixi

 

 La seconda sezione del Tribunale di Genova presieduta dal giudice Giuseppe Dagnino ha condannato a tre anni e cinque mesi il viceministro alle Infrastrutture, Edoardo Rixi, al termine del processo per le cosiddette 'Spese pazze' in Regione Liguria negli anni dal 2010 al 2012. Rixi, all'epoca dei fatti capogruppo regionale della Lega, è accusato di peculato e falso. Per lui il Tribunale di Genova ha anche disposto l'interdizione perpetua dai pubblici uffici e  la confisca di 56mila euro. Il pm Francesco Pinto aveva chiesto  una condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione. Rixi non era in aula, a rappresentarlo il suo avvocato Maurizio Barabino.  Rixi si dimette "Ho già consegnato a Salvini le mie dimissioni per non creare problemi al governo", annuncia il viceministro leghista dopo la condanna. Salvini: accetto le dimissioni di Rixi per tutelare lui e il governo  "Ringrazio Edoardo Rixi per l'incredibile lavoro svolto fino ad ora. Da tempo ho nelle mani le sue dimissioni, che accetto unicamente per tutelare lui e l'attività del governo da attacchi e polemiche senza senso". Lo dichiara in una nota Matteo Salvini. "Oggi stesso lo nomino responsabile nazionale trasporti e infrastrutture della Lega, riconoscendogli capacità e onesta assolute". Conte: lo ringrazio per la sensibilità instituzionale  "Desidero ringraziare" Edoardo Rixi "per la sensibilità istituzionale manifestata e per il proficuo contributo fin qui fornito all'attività di governo",  afferma il premier Giuseppe Conte in una nota in cui riferisce che il viceministro gli ha comunicato la sua "determinazione a rassegnare le proprie dimissioni".  Salvini: "3 anni a Rixi e 2 agli stupratori? Non è normale" Sulla vicenda torna poi in serata il vicepremier Matteo Salvini a Dritto e Rovescio su Rete 4. "Tre anni e mezzo di carcere per delle cene, invece spacciatori e stupratori condannati a due anni o tre anni. Se sei un politico e stai antipatico a qualcuno ti condannano a tre anni. Non è normale". L'inchiesta  Secondo la procura del capoluogo ligure i 22 imputati, tra consiglieri ed ex consiglieri regionali, accusati a vario titolo di peculato e falso, nel periodo compreso tra il 2010 e il 2012 si sarebbero fatti rimborsare, spacciandole per spese istituzionali, cene, viaggi, gite al luna park, gratta e vinci, fiori, birre, ostriche e vari oggetti acquistati per uso personale, per un ammontare complessivo di diverse centinaia di migliaia di euro. A Rixi, che all'epoca ricopriva il ruolo di capogruppo regionale della Lega, venivano contestate, oltre ad una serie di spese proprie non congrue, anche spese effettuate da altri consiglieri che il viceministro leghista avrebbe approvato senza verificare se fossero davvero legate ad attività istituzionali.  Difesa: innocente, ricorreremo in appello "Ricorreremo in appello" dopo "aver letto le motivazioni a sentenza, perché siamo convinti che sia innocente", ha detto l'avvocato del viceministro Edoardo Rixi Maurizio Barabino a margine della lettura della sentenza  in Liguria.   Presidente Antimafia Morra: "Apprezzo immediatezza dimissioni" "Rixi ha rassegnato con immediatezza le dimissioni, accettate da Salvini. Un atteggiamento positivo che apprezzo. Chi è condannato non può rimanere al governo. Si possono perdere le elezioni, non i nostri valori", scrive su Fb il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra.

Fonte: Rai News

Locandina calcetto

0
0
0
s2smodern

Pubblicità

lirenas.jpg

Il Meteo

Meteo Lazio

"Vita Ciociara" mese precedenti

 Testata Web 001

 

ShinyStat

Il tempo di domani

Calcio a 5 F. 2019-2020

Tecnologia

45 anni fa prima chiamata da cellulare

 

0
0
0
s2smodern

L'oroscopo del giorno

L'oroscopo del giorno


 

0
0
0
s2smodern

Italian F.4 Championship powered by Abarth

Il 2° FDA - ACI Sport Camp in corso a Fiorano

F4 Fiorano

0
0
0
s2smodern

 In ricordo del terremoto del 13 gennaio 1915