Volley 03

Di “Limiti inutili” non se ne crea di certo Andrea Mattei, il centrale della Biosì Indexa Sora, che invece li plasma in un rap genuino dall’omonimo titolo. Svestito della casacca bianconera, al suo posto felpa con cappuccio e cuffie alle orecchie, il “Clark Kent” del club volsco cambia identità e si trasforma in “Math”; gli stringe la mano “Same”, alias Leonardo Rampello, rapper romano noto per i suoi freestyle, ed è da qui che viene fuori il pezzo “Limiti inutili”. La canzone parla dello stesso Mattei, del suo rapporto con la pallavolo, del campo, del suo essere “atleta di forza” più che un “giocatore cerebrale”, delle sue esperienze adolescenziali, tutto espresso in rime accattivanti e suoni che ti restano in testa per un bel po’ dopo l’ascolto. E’ lo stesso Andrea in intervista, però, a raccontare da dove nasce questa passione per la musica, per la cultura rap e come egli la viva ogni giorno.

“Mi ha da sempre attratto questo genere, con le parole e le frasi in rima, con temi molto diversi e, se vogliamo, anche forti, forse espressi più realisticamente e duramente in confronto ad altri generi musicali – esordisce Andrea Mattei “Math”. Questo è un vero e proprio mondo, una cultura, e oltre che per il piacere di ascoltare quei testi, mi ci sono appassionato grazie anche a degli amici con gusti in comune e che vivono questa realtà quotidianamente”

Volley 04

A quali artisti ti ispiri?

“La cosa bella del rap è che non ti puoi ispirare a nessuno, o meglio ognuno ha il suo modo di esprimere concetti, di scriverlo, che può essere simile ma non uguale agli altri; in questo contesto si chiama “flow”. C'è il tipo aggressivo come è Salmo o il tipo simpatico come lo è Shade, ad esempio. Personalmente, ascolto parecchio Emis Killa e Marracash, sono tra i miei preferiti, senza nulla togliere a tanti altri”.

Parlaci della collaborazione con “Same” Rampello.

“La collaborazione con Leonardo (Same) è nata per caso: lo conosco da 3 anni ormai e a mio avviso lui è veramente bravo. Visto che aveva già realizzato qualche pezzo, una sera, scherzando, gli ho detto: “dai che mi invento qualcosa e andiamo a registrare!”. La sua risposta fu tutt'altro che negativa, così come poi ciò che ne è emerso, in termini di collaborazione tra le nostre due teste”.

Come concili pallavolo e musica?

“La pallavolo è e rimarrà la base di tutto, il puntello della mia vita, senza alcuna ombra di dubbio, ma la musica ti aiuta in tanti momenti, ti viene incontro soprattutto questo genere fatto di verità, che ti suggerisce come muoverti nella routine quotidiana. Conciliare queste due passione non è un problema per me, nessuna esclude l’altra, anzi si incastrano e integrano a perfezione, rispettando sempre i tempi dettati dal professionismo nel mondo del volley”.

Trovi dei punti in comune tra le due passioni della tua vita?

“L’adrenalina, la carica, tanto nel giocare quanto nel comporre e suonare rap”.

Progetti musicali futuri?

“Ho tante idee in questo periodo; anche se in piccolo, mi sono ritrovato con molti messaggi e progetti che spero si porteranno avanti: comincio con una radio di Roma (dove sarò ospite il 20 luglio) e vorrei poi realizzare video su YouTube e parecchio altro, speriamo bene! Io ci metto sempre l’anima!”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

 

Fuoco Farina 02

0
0
0
s2smodern

Il Meteo

Meteo Lazio

La rivista del mese di "Vita Ciociara"

Ottobre 17 Pagina 1 

 OTTOBRE 2017

 

Live News

"Vita Ciociara" mese precedenti

 Testata Web 001

 

 Ciociaria Passeggiate Medievali