Mal aquila

Un’associazione giovane , fatta da giovani , con un nome pieno di promesse , di fantasia, disincantato “babbaceglie”, una Amministrazione che cerca di offrire qualcosa di nuovo ed inusuale, tre esperti , uno in fotografia , uno in storia dell’arte, uno profondo conoscitore della storia locale nei suoi anditi nascosti e poco conosciuti, questi i protagonisti della Mostra Mal d’Aquila , che ha richiamato numerosi sorani attratti dalla novità con cui è stato affrontato il ricordo del terremoto del 6 aprile del 2009.

Il terremoto, pur sempre presente nella sua drammaticità, non è il protagonista, è un fatto della storia della città, non è un punto senza soluzione di continuità, non cancella il prima e il dopo, ma si deve porre come ponte tra un prima da conservare e valorizzare e un dopo che deve essere all’altezza del prima.

Ecco allora la vera protagonista è la città dell’Aquila, di cui si evidenziano attraverso un viaggio, descritto da un moderno aedo, che sa dosare la continuità spaziale e temporale aspetti misteriosi e affascinanti , storie fantastiche e coinvolgenti che fanno risaltare ambiti storici,letterari e artistici.

Il libro fotografico è uno scrigno di umanità, un tesoro di emozioni, un appello che viene dalla storia, dalla fede, dall’arte a far si che il sogno di Federico II, non si spezzi come le vite umane spezzate dal sisma, non basta ricordare , solo operando per un futuro di continuità rispetteremo il ricordo e vinceremo le lacerazioni di quelle morti.

La mostra è un’occasione per ricordare cosa era la città prima della tragedia , ma soprattutto un impegno per ciò che dovrà tornare ad essere.

Il nostro ringraziamento è poca cosa rispetto al messaggio civile, morale e culturale, che il prof. Caruso e le dott.sse Loffredo e Attanasiooo ci hanno trasmesso; ringraziamo anche l’Assessore Gemmiti , che ha creduto nel modo diverso di porci nei confronti di un fatto drammatico, che però non deve e non è preclusivo dell’avvenire, un ringraziamento ai molti, che sfidando un clima ancora in luna di marzo, hanno avuto la curiosità di verificare il cammino che vogliamo intraprendere.

Un particolare ringraziamento al nostro associato Filippo D’Ambrosio nella doppia veste di appartenente all’Associazione e in colui che prendendoci per la gola ha massimizzato il piacere di stare insieme parlando e gustando cose belle e cose buone.

Infine siamo noi intervenuti che ci complimentiamo con questi giovani , che sono l’atto d’accusa di una classe politica gelosa solo delle sue prerogative e tesa a acquisire sempre maggiori prebende, che umiliati, offesi, blanditi a parole , ignorati nei fatti   e sono capaci di dare una lezione di onestà intellettuale , di coerenza storica, di cultura morale a quanti ritengono ancora i disastri pubblici benedizioni per i loro affari.

Aquila dopo otto anni, l’Emilia dopo cinque , Amatrice………..

377 web

0
0
0
s2smodern

Il Meteo

Meteo Lazio

La rivista del mese di "Vita Ciociara"

Ottobre 17 Pagina 1 

 OTTOBRE 2017

 

Live News

"Vita Ciociara" mese precedenti

 Testata Web 001

 

 Ciociaria Passeggiate Medievali