viareggio

Sette anni e mezzo per gli ex dirigenti di Rfi e Trenitalia Elia Soprano. L'attuale amministratore delegato di Finmeccanica è stato ritenuto responsabile per il periodo in cui era a capo di Rete Ferroviaria Italiana. I familiari delle 32 vittime: "La sentenza dimostra che il sistema di sicurezza non funziona, come diciamo da 7 anni

Gli ex vertici di Ferrovie, Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia sono stati condannati per la strage di Viareggio, il disastro ferroviario del 2009 che causò 32 morti. Tra gli imputati ritenuti colpevoli anche Mauro Moretti, ex ad di Rfi e di Ferrovie (attualmente a capo di Finmeccanica), per il quale i giudici del tribunale di Lucca hanno deciso una pena di 7 anni in una sentenza che per il suo legale Armando D’Apote “trasuda populismo”. A 7 anni e mezzo sono stati condannati, invece, l’ex ad di Rfi e Ferrovie Mauro Michele Elia (attualmente country manager al Tap er l’Italia) e l’ex ad di Trenitalia Vincenzo Sprano. L’accusa aveva chiesto sedici anni per Moretti e quindici per Elia. I giudici hanno fatto cadere alcune imputazioni contestate ai manager delle partecipate statali perché “il fatto non sussiste”. Moretti, secondo quanto spiegano i suoi avvocati, è stato assolto come amministratore delegato di Ferrovie, mentre è stato condannato come ex amministratore delegato di Rfi. Tra le società imputate sono state assolte anche Ferrovie e FS Logistica, mentre sono state condannate Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia. Cadono le accuse anche per la Cima Riparazione, che montò sul vagone che deragliò l’asse che si era spezzato

0
0
0
s2smodern

Il Meteo

Meteo Lazio

"Vita Ciociara" mese precedenti

 Testata Web 001

 

ShinyStat

Il tempo di domani

Tesseramento 2019

Tesseramento 2019

 

 

Tecnologia

45 anni fa prima chiamata da cellulare

 

0
0
0
s2smodern

L'oroscopo del giorno

L'oroscopo del giorno


 

0
0
0
s2smodern

Italian F.4 Championship powered by Abarth

Il 2° FDA - ACI Sport Camp in corso a Fiorano

F4 Fiorano

0
0
0
s2smodern

 In ricordo del terremoto del 13 gennaio 1915