Omicidio Matilda, assolto ex compagno della madre

 

Antonio Cangialosi, l'ex compagno di Elena Romani a processo per la morte della figlia della donna, è stato assolto per non avere commesso il fatto. A undici anni di distanza, resta dunque senza un colpevole l'omicidio della piccola Matilda Borin, morta a 23 mesi nel 2005 a Roasio, nel Vercellese, per un violento colpo alla schiena. "Una assoluzione che fa male - commentano i legali della donna - ma faremo appello"

"In quella villetta, a Roasio, erano presenti due persone. Matilda non può essersi inferta da sola le ferite mortali". Lo ha detto l'avvocato Roberto Scheda, difensore di Elena Romani con il collega Tiberio Massironi, al termine del processo con rito abbreviato che ha assolto l'ex compagno della donna, Antonio Cangialosi, per la morte della bimba di 23 mesi avvenuta nel 2005. "Per Matilda quello di oggi non è ancora il giorno della giustizia", ha aggiunto il legale.
La mamma di Matilda: "Io voglio giustizia" - "Questa non è la verità, ma andiamo avanti perché voglio giustizia per la mia bambina". Lo afferma Elena Romani, la mamma della piccola Matilda. "In quella casa eravamo in due ed io non ho fatto nulla", ricorda la donna, che rivela di avere avuto un presentimento sulla sentenza di oggi. "Non ci aspettavamo una decisione diversa, purtroppo...".

La procura aveva chiesto 8 anni - Il pm Paolo Tamponi aveva chiesto 8 anni per Cangialosi nel processo che era seguito alla decisione della Cassazione di riaprire il caso, accogliendo il ricorso dei legali della madre e annullando la precedente decisione del gip di Vercelli di non doversi procedere nei confronti dell'uomo.
La donna era stata assolta in via definitiva - Le lesioni sul corpo di Matilda, aveva sostenuto il pm nella sua arringa finale, sono state provocate quando la bambina era insieme ad Antonio Cangialosi. "In quella casa, oltre a Matilda, c'erano due persone: una dei due, la Romani, ha una sentenza irrevocabile di assoluzione", aveva ricordato nel corso del processo l'avvocato Roberto Scheda, che con il collega Tiberio Massironi assiste la madre della piccola vittima. La donna è stata assolta in tutti i gradi di giudizio. Di ben altro parere è stato però il giudice Fabrizio Felice, che ha assolto Cangialosi. L'uomo era accusato di omicidio preterintenzionale.
0
0
0
s2smodern

Il Meteo

Meteo Lazio

La rivista del mese di "Vita Ciociara"

Ottobre 17 Pagina 1 

 OTTOBRE 2017

 

Live News

"Vita Ciociara" mese precedenti

 Testata Web 001

 

Pagine visitate

Visite agli articoli
55981

TECHMOTO GPSCIENZA
app
Dalle chiavi all'auto, ecco le app che salvano gli "sbadati
I software da scaricare sullo smartphone aiutano a ritrovare gli oggetti quotidiani più facili da perdere."
valentino lorenzo
Moto GP: in Giappone nessun calcolo, con Lorenzo è lotta aperta
A quattro gare dal termine e 14 punti da difendere sullo spagnolo il pesarese si mostra prudente.
dna
Fotografato il replisoma, è la "macchina" che fotocopia il Dna
Un meccanismo essenziale per la vita: è la replicazione del Dna.

 Ciociaria Passeggiate Medievali